| Google.com | Punto-informatico.it | news.google.com | Slashdot.org | Wired.com |

 

_

Alimentatore Switching

L'elettronica che nessuno ha mai fatto... semplice pacioccando voglio costruire uno switching da zero, ovvero partire da una tensione di 5V ed escirne con una + alta, quanto nn lo so ma voglio alzarla.

Quello che segue sono i miei attemps... occhio, sono dei test da tempo libero (tra le 00:00 e 01:00 della mia giornata...), quindi prendete con le molle, e se avete da contribuire... scrivetemi !!

Ultima "avvertenza", quello che voglio fare è un qualcosa che nasce dal basso con poche & povere cose, seguendo la regola del KISS (chi lo sa lo fa)... ovvio che mi ci vorrebbe molto poco a farlo tutto con iniezione elettronica e via, ovvero un PIC che fa PWM e frequenza variabile con feedback integrato, magari programmato in C o assembler... però vorrei farlo con la buona vecchia elettronica analog che i nostri padri ci son cresciuti... ;)

Siete dei mostri di analog ? cosa aspettate --->


Questo è il circuito di base

Ma come funziona uno switching ? allora, quelli (i circuiti) che alzano la tensione si chiamano Boost Up:

  • Il transistor fa passare la corrente nella bobina
  • la bobina "si carica" di campo magnetico
  • quando si spegne (il trans), l'interrutore si apre, e la bobina si scarica verso massa attraverso il diodo andando a caricare il condensatore
  • ripetendo apri/chiudi molte volte al secondo, aiutati dalla bobina e dal campo magnetico il condensatore si carica sempre + (senza scaricarsi per il diodo) superando la tensione d'alimentazione
  • passo 2, inserendo un quelche feedback si può anche regolare una tensione stabile in uscita in varie condizioni di carico; i parametri di controllo sono un PWM variabile, e in futuro anche la frequenza


L'elettronica di "contorno", con questi valori il PWM cambia dal 10% al 90%, e al frequenza di base siamo da 26 kHz con PWM agli estremi, per arrivare a 10 kHz con PWM al 50%. Il prox passo è avere questi due parametri separati.


Assemblaggio di base

Il MAX667 per avere 5 v stabili, una batteria da 9V ricaricabile, in centro il potenziometro variabile, il 555 della philips, un 2N2222 (scarso si...), diodo, una bobina "fatta a mano", un condensa da 25V e il diodo + R (530) di carico. E' + un circuito di conceetto, che uno funzionante...


Questa la tensione a circuito aperto...


Questa con un carico minuscolo... 6 ma appena, e nn ce la fa :( la V scende subito...


Potenziamo la bobina


Togliamo il 667, e mettiamo un solido 7805


Raddoppiamo il transistor, anche se il metallico ha un hfe minore, la corrente e il calore gestiti sono uguali


Eccolo qui, abbiamo guadagnato 5V in c.a.


Uhm, il LED si accende, 7.4 ma sono molto bassi


Sorpresa !! la tensione è stabile ed è + alta !


Questa è la corrente che passa per la bobina... che spreco ! tutto si scalda e va verso massa...


Closeup del circuito finale, i due trans sono in parallelo


Ordine = 0;


Nn ridete ! la stagnola è per nn far fondere lo stabilizzatore.

Again, siete dei mostri di analog ? cosa aspettate --->

P.S. Si lo so, chidendo dei samples ai vari produttori potevo farmi mandare delle soluzioni tutte integrate a cui aggiungere solo pochi componenti di contorno ed avere qualcosa di meno patetico... ma lo scopo di sta cosa, per me e solo me, è di imparare da zero, sentirlo fischiare, scaldare e così via... Magari mettendo un PIC ;)